CHAPTER 1 | CHAPTER 2 | CHAPTER 3

 

CHAPTER 2: FROM 1970 TO 1980 IN EUROPE CAP.2 DAL 1970 AL 1980 IN EUROPA

 

 

These were the years of decisive importance for the evolution of the Dobermann in Europe, and once again, the same as in the history of Dobermann of that period in Italy, I think that the starting point for characterizing that period could be found in INT.CH. BDSg. DVSg. Chico von Forell and in Vello von Fürstenfeld, which we have already discussed in the previous chapter.

Making a step behind, to the end of the '70s, we find ourselves in the period when, in my opinion, was the most important "happy moment" for the kennel "von Forell".

Namely, Mr. Wilking, the owner of the kennel, in the period from 1968 to 1970, has coupled the black female Kira von Romberg (Bingo von Dornberg x Ilka von Romberg) three times consecutively, a female that has always proved why she was "the great factor". Her first mating was in 1968 with Vello von Fürstenfeld, when she gave a litter from which we remember the black male INT.CH. Bryan von Forell that went to Sweden, and the brown male INT.CH. BDSg. DVSg. Bonni von Forell that was exported to Germany to Mr. Gerwin, the owner of the "von Beelen" kennel. We will speak more about these two champions and their important reproduction.


Jago von Beelen

Also in 1969, Mr. Wilking repeated the same combination producing the brown female Dascha von Forell, above all, remembered as a mother of the brown male INT.CH. BDSg. DVSg. EUROSg. Korung Jago von Beelen. Finally, Kira was coupled with Chico von Forell giving the black male INT.CH. BDSg. Flint von Forell, a good producer in the following years.

In order to understand better the evolution of the Dobermann breed, we return to the beginning of the '70s, focusing on a kennel that, without a doubt, we can consider today as one of the most important kennels (it has produced more than 40 Champions of Beauty, 16 Siegers, 8 dogs that have passed the Korung), but above all, we must acknowledge its "genetic contribution" which is the most important in the world-wide panorama of the Dobermann. Obviously, I am referring to the Dutch kennel "v. Franckenhorst" of Mrs. Sonia Franquemont, who unfortunately passed away in 1997. Mrs. Franquemont based her selection, in those, but also in the following years, on her two black females, Amarilda v. Wachenburg (Ero von Eichenhain x Costa von Eichenhain) and Olive of Bamby's Pride (Odin von Forell x Rita von Forell), which was later exported to Japan.


Amarilda Wakemburg

Amarilda was coupled three times from 1970 to 1973, and always with the same male, Chico von Forell. A very well known dog from her first litter was INT.CH. D.CH. WELTSg. Alva v. Franckenhorst, a male that passed the Korung and achieved the title of SchH.III, but above all, he was remembered as a father of D.CH. Baron Cesar v. Rensloo and Korung Bonita v. Rensloo, and of Barones Eva v. Rensloo, and also father of INT.CH. Cristel v.d. Eland, which was the mother of the remarkable Egor v.d. Eland, a dog that we will discuss further in this chronology.


Comtesse Charmaine v. Franckenhorst

In 1972, Amarilda's second litter gave two females INT.CH. D.CH. BDSgn. DVSgn. EUROSgn. Comtesse Charmaine v. Franckenhorst and Ceylonia v. Franckenhorst. The latter was the mother of the black male INT.CH. Bjorn v. Stokebrand, a dog of really excellent character that influenced positively on the breeding in Holland. Finally, in 1973, Amarilda's third litter gave perhaps one of the most beautiful black males from this kennel, INT.CH. D.CH. BDSg. DVSg. IDCSg. Ero v. Franckenhorst, a dog that passed the Korung and won the title of SchH III, but which unfortunately was not much used by the breeders in that period.

Before analyzing the reproduction of Olive of Bamby's Pride, lest make my "writing" banal and academic, and only chronological, I would like to take this opportunity to express my point of view regarding the concept "that a breed cannot be selected or judged only by the concept of phenotype"...Let me explain it a bit more:

This theory was and still is the reason for long debates about the practical technics in breeding. On one hand, it is true that a dog can be rewarded with "undeniable morphologic contribution" if such a contribution can be transparently recognized, but on the other hand, the ability "to see" beyond phenotype must also be equally emphasized. That is what is looked at in the ring, and it should be like that, considering the fact that, as we all know, in breeding all comes back. However in the ring, the dog with a phenotype closest to the standard of the breed must always win even if the dog has a big fault known only to the breeder…But a lot often the judge, as the one that gives the final word and therefore has a huge responsibility, having in his hands the "power" to give a direction to follow, often is the man who does not himself breeds the same dogs or even the worse scenario – he breeds some different breed. So, consequently, often these judges have been taking place in the evolution of the Dobermann, but also of other breeds, creating the moments of "destabilizing defects" that in turn require several years of "selection purification" to get them eliminated. This can also happened often when the judge is drawn to the dog's phenotypic aspects only, justifying his action with the infamous moto: "I judge only what I see in the ring". He can find justification, perhaps in some small shows, but surely not on AIAD or IDC, where the concept of the genotype (i.e. reproduction) surely must have "the top priority" if the race is to be improved. The development of the breed largely depends on who the judge assigns the title of Sieger to, thus creating a path that is to be followed in breeding.

For this reasons the extreme rule should be made, that a good judge must "obligatorily" breed, or naturally, to have been breeding the same breed that he wants to judge, since only than he can verify and see the negative or positive genetic aspects that will take place in the future. This is a decidedly important fact for being able to give the judgment about the dog's character. Therefore, I do not agree with those that think that this theory lacks objectivity, that subjecting a particular dog to a judgment of an expert that breeds the same breed could provoke unfair decisions. Instead I would say that, especially if that judge is achieving good results with his own kennel, I am even more convinced in this theory and I will always criticize those judges that "allow themselves" to judge a breed without breeding it.

This is certainly a rigid point, and I am sure that public opinion in canine world, considering the majority, even today is unfortunately too often stretched to accommodate anything, and, in my opinion, a very serious fact that can be found at important International exhibitions of the breed, is that judges very often use "phenotypic judgments" without worrying about the "aftermaths". Therefore, in spite of a hypothetical phenomenon of "conflict of interests", what defenders of this opposing theory assert, I remain convinced that only a judge that breeds the same breed which he judges, preferably with success, is able to give, with help of his breeder's experiences, more reliable decisions.

I hope, concluding, that the situation will be better in the new millennium, that finding the adequate judges will be an unavoidable prerogative for the competent authorities (IDC). I hope that they will value the most the effort to "stop this harmful phenomenon" created by some judges who, without some genotypic logic, proclaim Champions that then do not produce anything; and also because, in my opinion, this is the cause for the lack of "uniformity of judgment", a fact that is surely "disintegrating the evolution of the breed" and that the competent authorities should not allow.

Returning to our chronology…

Mrs. Franquemont has coupled Olive three times. In 1973, Olives was coupled through artificial insemination (because of the problems with Swedish quarantine) with Bryan von Forell, giving one of the most famous litters for "v. Franckenhorst" kennel. Surely, the most famous dog from this litter was the black male INT.CH. DVSg. Don Dayan von Franckenhorst, which we have already discussed in the previous chapter as the father of Thomas del Verdiano. Don Dayan was acquired by Mr. Herman Mencke, among other things, famous for being one of the best judges of the breed, who coupled Dayan with Centa von Eschenhof producing the black male INT.CH. BDSg. Candy van'T Smeulveen, which was later exported to Japan. Candy was mated with Toba v. Haliwolwi, a daughter of Miko von Furstenfeld, giving Tanja v.d. Kunnemaborgh, a black female acquired by the Dutch breeder Mr. Stienstra.


Hertog Alfa v. Le Dobry

In 1978, Tanja was coupled in medium consanguinity with Don Dayan, giving a black male destined to become the great star DVSg. Korung Hertog Alpha v. Le Dobry, a male of undeniable genotype qualities, which we will discuss in the next chapters. Also in this liter were two famous sisters of Don Dayan, the brown female INT.CH. Della von Franckenhorst, imported to Italy, a mother of the black female Medina dei Piani di Praglia, that, like it was said in the previous chapter, has been an important factor for the success of the "v. Franckenhorst" kennel in the '80s, and the black female INT.CH. BDSgn. WELTSgn. IDCSgn. Dewi von Franckenhorst, in property of Mr. Wilking, at the time the president of the "Dobermann Verein", which, after Mr. Wilking died, went to Mr. Hans Wiblishauser, the owner of the kennel "von Bavaria" and successor of Mr. Wilking on the position of the presidency of the D.V., and also the president of the International Dobermann Club.

In 1974, Olive was coupled with the grandson of Chico von Forell, the black male Arro von Buchenberg (Casar von Beelen x Ira von Rotbachtal), a mating that gave three females to remember INT.CH. Korung Iris Franckenhorst, future prototype of the Dutch kennel "v. Diaspora", BDSgn. Indra Franckenhorst and Ira von Franckenhorst, which Mrs. Franquemont kept for herself.


Nimrod Hilo von Franckenhorst

Also in 1976, Olive was coupled with the black male INT.CH. BDSg. Guy's Hilo v. Norden Stamm (Bryan von Forell x Guntherforst Burga), a dog in property of Mr. Jens Kollenberg, a very well known breeder and expert judge. Hilo was a lot used as a stud in those years by many breeders in Europe and the mating with Olive gave the black male Nimrod Hilo von Franckenhorst, the father of previously mentioned Bjorn von Stokebrand, but also of the "V" litter for "v. Franckenhorst" kennel, which we will discuss ahead. Surely, by the careful analysis of "v. Franckenhorst" selection of that period from 1970 to 1980, it can be noted that Chico and Bryan von Forell bloodline had the primary influence.

In those first years of the '70s in Holland, the kennel "v. Ferrolheim", in the property of Mr. Ferdinand Demankoe proved itself by producing many Champions over the years, but following my concept expressed here many times (that I want to mention only the dogs that had a genetic influence in the improvement of the breed, rather than to speak about all the production of these kennels…although they have deserved it, it is practically impossible) I will not discuss them further.


Aldo v. Ferrolheim

Easing my conscience, I will go on and speak now about the mating that will give the brown male INT.CH. BDSg. DVSg. Aldo v. Ferrolheim (Jurgen von Hagenstern x Amanda v. Stifthub), a mating that was repeated a couple of times, as already noted, that has give many Champions of that age. If we analyze the bloodline of this stud, we will realize that there is another combination of blood between Chico and, this time, Bonni von Forell, a genetic combination that certainly did not go unnoticed to a great Italian breeder, who unfortunately prematurely passed away - of course, I'm referring to Piero Caliandro.


Caienna di Villa Castelli

With great breeder's intuition, he coupled the black female Rada Del Verdiano (v. previous chapter) with Aldo, a mating that gave the black female IT.CH. BDJSgn. Caienna di Villa Castelli, which went to the owner of "di Campovalano" kennel, Mr. Prosperi, becoming his prototype; and IT.CH. AIADCH. Cito di Villa Castelli, a black male that went to Dr. Pierluigi Pezzano, the owner of "del Citone" kennel, otherwise also known as very important person in the world-wide panorama of the Dobermann, becoming the specialist judge for the breed at the International level (first non-German judge to be authorized by the D.V. to judge the ZTP) and also president of the AIAD Dobermann Club, contributing in improvement of the Italian Dobermann in the future.


Elisir di Campovalano

For a moment, I will stop with the chronology, but of course, I will continue with the evolution of the Dobermann in Italy from 1980 to 1990 in the next chapters, to mention the mating in consanguinity that took place at the end of the '70s, between Cito and Caienna. Mr. Prosperi got from this combination the black male INT.CH. IT.CH. BDSg. AIADSg. Elisir di Campovalano, which went to Dr. Pezzano and became a producer of great importance for the development of the Dobermann in Italy. In the beginning of the '70s, another woman (and in that period there were many great woman Dobermann breeders), Mrs. Iris Krummel, the owner of "von Nymphenburg" kennel from Germany, began attracting attention with two litter of excellent genetics.

In 1976, Mrs. Krummel has coupled her prototype Cora v.d. Brunnenstadt, a brown female of excellent substance, granddaughter of Vello with the black male Korung Eick von Eschenhof (Flint von Forell x Fee von Hagenstern), a black male consanguineous to Chico. This combination gave "A" litter for the "von Nymphenburg" kennel, where among other Champions we remember the black female INT.CH. BDSgn. DVSgn. Athene von Nymphenburg that went to Mr. D. Muller, the owner of "von Eschenhof" kennel.


Orpheus von Eschenhof

In 1978, Mr. Muller coupled Athene with Guy's Hilo v. Norden Stamm, producing the black male INT.CH. Orpheus von Eschenhof, acquired by Mr. Zorzi, the owner of "del Littorio" kennel, what we will discuss later in our historical retrospection.


Helena von Eschenhof

In 1977, Mrs. Iris Krummel, has coupled the black female Korung Helena von Eschenhof (Jago von Hagenstern x Eni von Eschenhof), which Mr. Vogel has defined as a dog of "a truly good character and combativeness", with Eick von Eschenhof, a mating in medium consanguinity (uncle-grandson), that will bring International fame to the kennel of Mrs. Krummel.

This mating gave such champions as Brutus Nymphenburg, Bellona Nymphenburg, Beke Nymphemburg, but above all the black female WELTSgn. IDCSgn. BDSgn. DVSgn. VDH. EUROSgn. Berenike von Nymphenburg, which surly was one of the most beautiful dogs in that period, which we will discuss more in the chapter that describes the '80s with regards to her progeny.


Bingo v. Ellendonk

Making a step behind to 1975, we'll focus on the kennel "von Ellendonk" in the property of Mr. Sauermann (very important bloodline for the evolution of the Dobermann, primarily for its contribution to character betterment), which gave the black male Bingo von Ellendonk (Jago von Beelen x Palm von Ellendonk), winner of the Championship of Work of the D.V. in 1977, and he accomplished this only at the two years of age. Bingo obtained the Korung for life and moreover, he was the first Dobermann in the world to obtain the result 100-100-100 in a work competition of the D.V., in SchH III trial. Defined by Mr. Vogel as absolutely the best work dog in the history of the Dobermann, from the morphologic aspect, Bingo was a beautiful male of medium ransom and excellent substance, and also the male that was very useful in breeding, above all for his great genetic qualities, mainly his excellent character, (to remember that the mother of Bingo was in turn Work Champion of the D.V.). In fact, many of his descendants demonstrated the inheritance of their father at important work contests in that period, among which the best known, without a doubt was the female Cora von Papenkamp (Bingo von Ellendonk x Afra von Papenkamp) that in 1981, 1982 and 1984 won the Work Championship of the D.V., winning 99 points in the C section.

I would also mention two important sons of Bingo, the black male Bonni von Nettetal (Bingo von Ellendonk x Anouk von Nettetal), winner of the Work Championship in 1986-1987, reconfirming the "genotypic character" of his father, and Nicolai von Klosterkamp (Bingo von Ellendonk x Boscha von Klosterkamp), which, on the other hand, made the second place in 1987 behind Bonni in the Work Championship of the D.V., also winning the Korung 1A for life. According to my point of view, she was a very important "passage" for the combination that was made in 1982, between Nicolai with Bonita van Rensloo, an important equilibrium between morphology and character (a danger that is always lurking in ambush in the evolution of a breed), and from this mating came the black female INT.CH. WELTSgn. DVSgn. Esmir van Hermanijomaik, becoming in turn the prototype of the Dutch kennel "van't Wantij", which we will discuss, with regards to her progeny, in the chapter that deals with the period from 1980 to 1990.

It is still left to discuss, in this "personal chronological interpretation" of mine, about the bloodlines that, in my opinion, genetically influenced the breeding of that period and what, I hope, will help many dobermann admirers to deepen their knowledge about the selection of the Dutch kennel "v. Diaspora", which is still in the property of Mrs. Kuipers-Kossen.

This kennel based its selection on the brown female, already mentioned in the text, Iris von Franckenhorst, a dog of truly excellent character that also passed the Korung. In 1977, Iris was coupled with Guy's Hilo v. Norden Stamm, giving WELTSg. IDCSg. BDSg. DVSg. Caecilius Cassander van Diaspora. In 1979, Iris was again coupled with the black male WELTSg. IDCSg. BDSg. DVSg. EURO.CH. Korung for life Bronco von Zenn (Jago von Beelen x Elke vom Pfàlzer Waldheim), about which we will discuss in the following chapters, producing the brown female INT.CH. D.CH. Korung Ezra-Ere-Iris van Diaspora that will demonstrate herself as a very important factor for the kennel of Mrs. Kossen.


Baron Cesar Rensloo


Baron Cesar Rensloo


Orpheus von Eschenhof


Orpheus von Eschenhof with Roberto

 

Saranno anni decisamente importanti per la futura evoluzione della razza in Europa, ed ancora una volta, come per la storia del Dobermann degli stessi anni in Italia, ritengo che il punto di partenza sia da individuare in INT.CH.BDSg.DVSg. Chico von Forell e in Vello von Fürstenfeld, dei quali abbiamo parlato nel capitolo precedente.

Facendo un passo indietro, intorno alla fine degl'anni 70, è di assoluta importanza ricordare quello che ritengo personalmente il "momento" allevatoriale più felice dell'allevamento von Forell.


Bryan v. Forell

Infatti il sig. Wilking, titolare di questo Allevamento, negl'anni che vanno dal 1968 al 1970, accoppia la femmina nera Kira von Romberg (Bingo von Dornberg x Ilka von Romberg) per ben tre volte consecutivamente, soggetto che confermerà sempre qualità di grande "grande fattrice", rispettivamente nel 1968 una prima volta con Vello von Fürstenfeld, accoppiamento del quale si conoscono, il maschio nero INT.CH. Bryan von Forell ceduto in Svezia ed il maschio marrone INT.CH.BDSg.DVSg. Bonni von Forell, ceduto in Germania al sig. Gerwin titolare dell'allevamento von Beelen. Di questi due Campioni, della loro importante riproduzione, parleremo più avanti.


Mr. Wilking

Ancora nel 1969 il sig. Wilking ripete la stessa accoppiata dalla quale nasce la femmina marrone Dascha von Forell, da ricordare soprattutto perché mamma del maschio marrone INT.CH.BDSg.DVSg.EUROSg.Korung Jago von Beelen, infine Kira venne accoppiata ancora con Chico von Forell dove il maschio nero INT.CH.BDSg. Flint von Forell che ne nascerà, sarà un buon riproduttore negl'anni a venire.


Olive of Bamby's Pride

Fatta questa premessa, che ci aiuterà a capire meglio l'evolversi della razza Dobermann, ritorniamo ai primi anni 70, dove si stà affacciando un Allevamento che senza dubbio possiamo considerare a "oggi", sia dal punto di vista dei riconoscimenti (prodotti più di 40 Campioni di Bellezza, 16 Siegers, 8 soggetti che hanno superato la Korung), ma soprattutto sotto il profilo del suo "apporto genetico", il più importante nel panorama mondiale del Dobermann, mi sto riferendo ovviamente all'Allevamento Olandese v. Franckenhorst della signora Sonia Franquemont, purtroppo scomparsa nel 1997.


Sonia Franquenmont

La signora Franquemont, baserà la sua ricerca cinofila, in quegl'anni 70 soprattutto avvalendosi delle due femmine nere, Amarilda v. Wachenburg (Ero von Eichenhain x Costa v. Eichenhain) e di Olive of Bamby's Pride (Odin von Forell x Rita von Forell), quest'ultima importata dal Giappone.


Alva v. Franckenhorst

Amarilda fù accoppiata per tre volte dal 1970 al 1973, e sempre con Chico von Forell, del primo accoppiamento il soggetto più conosciuto è il maschio marrone INT.CH.D.CH.WELTSg. Alva v. Franckenhorst, soggetto che superò la Korung ed ottenne il brevetto di Sch.III, ma soprattutto perché padre di D.CH. Baron Cesar e Korung Bonita v. Rensloo, e di Barones Eva v. Rensloo, e padre anche di INT.CH. Cristel v.d. Eland madre del notevole Egor v.d. Eland, soggetti dei quali parleremo più avanti.


Baron Cesar Rensloo

Nel 1972, sempre dallo stesso accoppiamento, si ricordano due femmine, la INT.CH.D.CH.BDSgn.DVSgn.EUROSgn. Comtesse Charmaine e Ceylonia v. Franckenhorst, madre quest'ultima del maschio nero INT.CH. Bjorn v. Stokebrand, soggetto sicuramente di ottimo carattere che influenzò positivamente l'Allevamento Olandese, infine nel 1973 nacque sempre da Chico e Amarilda, forse uno dei più bei maschi neri di questo Allevamento, INT.CH. D.CH.BDSg. DVSg.IDCSg. Ero v. Franckenhorst cane che superò la Korung e il brevetto di SchH III, ma che purtroppo non fù molto usato in Allevamento dagl'Allevatori di quel periodo.

Prima d'analizzare la produzione di Olive of Bamby's Pride, proprio per non fare di questo mio "scritto" solo un banale ed accademico "cronologico", vorrei prendere l'occasione per esprimere un mio…..Punto di vista…. "che non si può allevare o giudicare una razza, con la sola concettualità del "fenotipo"…..mi spiego:
questa mia teoria, è stata ed è spesso ancora oggi motivo di diatriba riguardo alle pratiche allevatoriali in Zootecnia, poiché da una parte è vero che si deve ovviamente riconoscere un "innegabile apporto morfologico" di un soggetto, dall'altra invece, à altrettanto da sottolineare, l'importanza primaria di dover "vedere…" oltre il fatto fenotipico, cioè solo di quello che si vede sul ring, fermo restando che poi, come ben sappiamo in Allevamento tutto torna… ma che comunque sul ring deve vincere sempre il cane… fenotipicamente più attinente allo standard di razza…tralasciando talvolta però di valutare… negatività importanti, che solo chi alleva vede... ma molto spesso invece chi giudica, anche ai massimi livelli, ed ha quindi una grossa responsabilità, avendo nelle sue mani il "potere" di dare comunque ..un indirizzo di razza…non alleva…o peggio ancora alleva un'altra razza… conseguentemente a ciò, spesso si sono verificati nell'evoluzione del Dobermann, ma anche di altre razze, momenti che hanno creato "difetti destabilizzanti" richiedendo poi, diversi anni di … "selezione purificatrice …" per poterli eliminare … e questo, spesso dovuto a ... errate valutazioni scaturite da un giudizio … molto spesso solo "fenotipico" e quindi, la fin troppo scontata teoria da parte di molti Giudici … "io giudico solo quel che vedo in un ring…" può trovare, forse giustificazione in normali … Show cinofili, ma non certamente ad un Campionato d'Allevamento di Club,…ad un IDC … dove sicuramente il concetto del genotipo (cioè la riproduzione) deve avere "precedenza assoluta" se si vuol migliorare la razza, e questo al di là dei titoli di Sieger assegnati e quindi dare agli appassionati della razza un riferimento..un indirizzo "vero" da seguire in Allevamento.

Da ciò l'estrema convinzione del fatto invece, che un buon Giudice debba "obbligatoriamente" allevare, o naturalmente aver allevato, la razza che vuol giudicare, poiché solo in questo modo può verificare, toccare con mano, effetti genetici negativi, o anche positivi che andranno a verificarsi poi in allevamento, fatto decisamente importante per poter dare un "equilibrato giudizio zootecnico attitudinale" di un soggetto, e quindi non sono assolutamente d'accordo con chi in cinofilia, abbia remore o diffidenze nel sottoporre il proprio cane ad un giudizio, di un tecnico che allevi quella stessa razza, anzi direi invece di pretenderlo e, se poi quel giudice ottiene anche dei buoni risultati con il suo allevamento sono certamente ancora più convinto di questa mia teoria, diffidando invece di chi "si permette" di giudicare una razza senza allevarla.

Questo è certamente un punto fermo, sul quale sono sicuro che "l'intelligenza cinofila" nella sua maggioranza concordi, purtroppo però, ancora oggi, troppo spesso si tende a dare, e quello che è secondo me molto grave anche in importanti manifestazioni Internazionali della razza, "frettolosi giudizi fenotipici", cioè senza preoccuparsi del "dopo partita" e quindi al di là di un ipotetico fenomeno di un "conflitto d'interesse", cosa che naturalmente gli "ostentori" di questa teoria affermano, rimango convinto che solo quel giudice che allevi, preferibilmente con successo, quella razza potrà, con le sue esperienze allevatoriali, coerentemente dare un più attendibile indirizzo d'allevamento.

Spero, concludendo, che questo sia nel nuovo millennio, che "dobermanisticamente" ci apprestiamo a vivere, prerogativa imprescindibile che gli organi competenti (IDC Club ) sappiano valutare al meglio, per cercare…di "fermare questo dannoso fenomeno di... protagonismo da parte di qualche Giudice che, senza alcuna logica genotipica, inventa Campioni che poi non riprodurranno niente anche perché, diciamolo pure, questo secondo me è la causa anche di una mancanza di "uniformità di giudizio" fatto sicuramente "denigratorio per l'evoluzione della razza e che gli Organi competenti non dovrebbero assolutamente permettere.

Ritornando alla nostra cronistoria...

Anche Olive fu accoppiata tre volte dalla signora Franquemont, nel 1973 Olive veniva accoppiata tramite inseminazione artificiale (causa problemi di quarantena in Svezia) con Bryan von Forell, dando origine ad una delle più famose cucciolate Franckenhorst. Sicuramente il soggetto più conosciuto fu il maschio nero INT.CH.DVSg. Don Dayan von Franckenhorst, del quale abbiamo parlato nel precedente numero perché padre di Thomas del Verdiano. Don Dayan fu acquistato dal sig. Herman Mencke, noto fra l'altro per essere uno dei migliori giudici della razza, il quale produsse con il proprio affisso il maschio nero INT.CH.BDSg. Candy van'T Smeulveen (Don Dayan von Franckenhorst x Centa von Eschenhof) soggetto che fu poi venduto in Giappone, Candy venne poi accoppiato con Toba v. Haliwolwi, una figlia di Miko von Furstenfeld, dal quale nacque Tanja v.d. Kunnemaborgh, femmina nera acquistata dall'allevatore Olandese Sig. Stienstra, il quale accoppiando poi, nel 1978 Tanja in media consanguineità con Don Dayan, darà origine ad un maschio nero destinato a diventare un grande razzatore DVSg.Korung Hertog Alpha v. Le Dobry, soggetto dalle innegabili qualità genotipiche, del quale parleremo più avanti. Da ricordare anche due famose sorelle di Don Dayan, la femmina marrone INT.CH. Della von Franckenhorst importata in Italia e madre della femmina nere Medina dei Piani di Praglia, che come detto nel precedente numero, sarà fattrice importante per la Sig. Franquemont negl'anni 80, e la femmina nera INT.CH.BDSgn.WELTSgn.IDCSgn. Dewi von Franckenhorst, di proprietà del Sig. Wilking già Presidente della Dobermann Verein, che dopo la sua scomparsa fu ceduta al Sig. Hans Wiblishauser titolare dell'allevamento von Bavaria e successore del Sig. Wilking alla Presidenza della D.V. e anche Presidente tutt'ora in carica dell'Internacional Dobermann Club.


Iris v. Franckenhorst

Nel 1974 Olive venne accoppiata con un nipote di Chico von Forell, il maschio nero Arro von Buchenberg (Casar von Beelen x Ira von Rotbachtal), accoppiamento del quale si ricordano tre femmine, INT.CH.Korung Iris Franckenhorst futura capostipite dell'allevamento Olandese v. Diaspora, la BDSgn. Indra Franckenhorst e Ira von Franckenhorst, che la Sig. Franquemont si tratterrà come fattrice.


Guys Hilo vom Norden Stamm

Ancora nel 1976, Olive fu accoppiata con il maschio nero
INT.CH.BDSg. Guy's Hilo v. Norden Stamm (Bryan von Forell x Guntherforst Burga) allevato dal Sig. Jens Kollenberg allevatore e giudice esperto molto famoso agli appassionati della razza di tutto il mondo, Hilo fu riproduttore molto usato in quegl'anni da molti allevatori in Europa, l'accoppiamento con Olive generò un maschio nero Nimrod Hilo von Franckenhorst, padre oltre del già citato Bjorn von Stokebrand, ma anche della cucciolata "V" Franckenhorst della quale parleremo più avanti. Sicuramente da un attenta analisi della selezione Franckenhorst di quel periodo che dal 1970 va al 1980, risalta la primaria influenza avuta dalla linea di sangue di Chico e Bryan von Forell.

Sempre in Olanda in quei primi anni 70, si evidenzia l'allevamento v. Ferrolheim del Sig. Ferdinand Demankoe, che per diversi anni produrrà molti Campioni, ma come dalla concettualità da me espressa più volte preferisco attenermi a menzionare soggetti che avranno un'influenza genetica nella crescita della razza, poiché parlare di tutta la produzione di questi allevamenti..anche se lo meriterebbero;.è praticamente impossibile.

Tranquillizzata la mia coscienza..andiamo a conoscere l'accoppiamento che darà il maschio marrone INT.CH. BDSg. DVSg. Aldo v. Ferrolheim (Jurgen von Hagenstern x Amanda v. Stifthub) accoppiata che verrà ripetuta e come già detto darà molti Campioni in quell'epoca. Se andiamo ad analizzare la linea di sangue di questo stallone, ne verrà fuori un'altra combinazione di sangue fra Chico e questa volta con Bonni von Forell, combinazione genetica che non sfuggi certo all'attenzione di un grande allevatore italiano purtroppo prematuramente scomparso, stò parlando naturalmente, di Piero Caliandro che con grande intuizione allevatoriale accoppiò la femmina nera Rada del Verdiano (vedi capitolo precedente) con Aldo, accoppiamento del quale si ricorda la femmina nera IT.CH.BDJSgn.Caienna di Villa Castelli, ceduta al Sig. Prosperi titolare dell'allevamento di Campovalano divenendone la capostipite, e IT.CH.AIADCH.Cito di Villa Castelli maschio nero ceduto al Dott. Pierluigi Pezzano, titolare poi dell'allevamento del Citone, altro personaggio di assoluta importanza nel panorama Mondiale del Dobermann, che negl'anni futuri diventerà Giudice Specialista della razza a livello Internazionale (primo Giudice non Tedesco ad essere autorizzato dalla D.V. a giudicare lo ZTP) e anche futuro Presidente, tutt'ora in carica dell'AIAD Club, contribuendo a far raggiungere al Dobermann Italiano negl'anni futuri, traguardi davvero impensabili in quell'epoca.

Aprendo per un attimo una finestra in Italia, riservandoci naturalmente di approfondire in modo più ampio nel prossimo capitolo dove tratteremo l'evoluzione della razza in Italia dal 1980 al 1990, và segnalato l'accoppiamento in consanguineità fra Cito e Caienna che il Sig. Prosperi, fece alla fine degl'anni 70 e dove il maschio nero INT.CH.IT.CH.BDSg.AIADSg. Elisir di Campovalano ceduto al Dott. Pezzano, sarà un importante riproduttore per la crescita del Dobermann in Italia. Intorno a quei primi anni 70 un'altra donna ..(da notare questo fatto, che non voglio dire singolare, ma certamente per una volta perlomeno paritario, nei meriti fra uomo-donna, nel costatare l'affermarsi in quel periodo di diverse..grandi allevatrici del Dobermann) riferendomi alla signora Iris Krummel, titolare in Germania dell'affisso von Nymphenburg, che cominciava a farsi notare con due cucciolate di buon spessore genetico.


Iris Krummel Berenike

Nel 1976 accoppia la sua capostipite Cora v.d. Brunnenstadt femmina marrone di ottima sostanza nipote di Vello con il maschio nero Korung Eick von Eschenhof,(Flint von Forell x Fee von Hagenstern) maschio nero consanguineo si Chico, questo accoppiamento darà vita alla lettera "A" dell'allevamento von Nymphenburg, dove fra gli altri Campioni è da menzionare la femmina nera INT.CH. BDSgn. DVSgn. Athene von Nymphenburg ceduta al Sig. D. Muller titolare dell'Allevamento von Eschenhof.

Nel 1978 il Sig. Muller accoppierà Athene con Guy's Hilo v. Norden Stamm, dal quale nascerà il maschio nero INT.CH. Orpheus von Eschenhof, acquistato dal Sig. Zorzi titolare dell'Allevamento del Littorio e del quale parleremo ancora.

La signora Iris Krummel, nel 1977 accoppierà la femmina nera Korung Helena von Eschenhof (Jago von Hagenstern x Eni von Eschenhof), soggetto che il Sig. Vogel ha definito veramente di buon carattere e conbattività, con Eick von Eschenhof, accoppiamento concepito in media consanguineità (zio-nipote), che darà molta notorietà Internazionale all'Allevamento della signora Krummel.

Di questa accoppiata sono da menzionare i Campioni Brutus Nymphenburg , Bellona Nymphenburg, Beke Nymphemburg... ma soprattutto la femmina nera WELTSgn. IDCSgn. BDSgn.DVSgn.VDH.EUROSgn. Berenike von Nymphenburg, soggetto sicuramente fra i più belli dell'epoca, e della quale parlerò ancora negl'anni 80 riguardo alla sua riproduzione.

Facendo un passo indietro, al 1975 presso l'allevamento von Ellendonk del sig. Sauermann (linea di sangue importantissima per l'evoluzione del Dobermann, soprattutto riguardo all'aspetto caratteriale) nasceva il maschio nero Bingo von Ellendonk (Jago von Beelen x Palma von Ellendonk), vincitore nel 1977, a soli due anni di età, del Campionato di Lavoro della D.V., Bingo ottenne poi la Korung a vita e fu anche il primo Dobermann al mondo ad ottenere in una gara di lavoro della D.V. in Sch III il risultato di 100-100-100. Definito dal sig. Vogel come in assoluto uno dei migliori cani da lavoro nella storia del Dobermann, lo descriveva sotto l'aspetto morfologico un bel cane in media taglia da Molto Buono, ma comunque maschio che con i dovuti accorgimenti, sarebbe stato utile in Allevamento, soprattutto per le sue grandi qualità genetiche riferite al suo carattere, (da ricordare che la madre di Bingo fu a sua volta Campionessa di Lavoro D.V.) infatti molti dei suoi figli ricalcarono le linee paterne nelle più importanti gare di lavoro in quel periodo, dove forse la più conosciuta è senza dubbio la femmina Cora von Papenkamp (Bingo von Ellendonk x Afra von Papenkamp) che nel 1981-1982-1984 vinse il Campionato di lavoro D.V., riportando nella sezione C sempre come ponteggio 99. Menzionerei ancora due importanti figli di Bingo, che furono il maschio nero Bonni von Nettetal (Bingo von Ellendonk x Anouk von Nettetal), vincitore del Campionato di Lavoro nel 1986-1987, riconfermando la "genotipicità caratteriale" del padre, e Nicolai von Klosterkamp (Bingo von Ellendonk x Boscha von Klosterkamp) il quale al di là del fatto di arrivare 2° nel 1987 dietro a Bonni nel Campionato di Lavoro D.V. ottenendo poi, anche la Korung a vita 1A, perché fu secondo il mio punto di vista di un "tramite" molto rilevante per mantenere, nell'accoppiamento che fu fatto nel 1982 fra Nicolai con Bonita van Rensloo, un importante equilibrio fra morfologie e carattere, (pericolo sempre in agguato nell'evoluzione di una razza..) ricordando che da questo accoppiamento nacque la femmina nera INT.CH. WELTSgn. DVSgn. Esmir van Hermanijomaik, divenendo a sua volta la capostipite dell'Allevamento Olandese van't Wantij e della quale parleremo insieme alla sua importante riproduzione nel periodo facente riferimento al 1980-1990.

Rimane ancora da parlare, al termine di questa mia "personale interpretazione cronologica" sulle linee di sangue che secondo me influenzarono geneticamente l'Allevamento di quel periodo e che spero servirà a molti appassionati del Dobermann per approfondire le loro conoscenze sulla razza … dell'Allevamento Olandese v. Diaspora, del quale è titolare tutt'oggi la signora Kuipers-Kossen.

Questo allevamento basò la sua produzione sulla femmina marrone già citata Iris von Franckenhorst, soggetto veramente di buon carattere che superò anche la Korung, Iris nel 1977 fu accoppiata con Guy's Hilo v. Norden Stamm, dal quale nacque il WELTSg.IDCSg.BDSg.DVSg. Caecilius Cassander van Diaspora, nel 1979 Iris fu di nuovo accoppiata con il maschio nero WELTSg.IDCSg.BDSg.DVSg.EURO.CH. Korung a vita Bronco von Zenn (Jago von Beelen x Elke vom Pfàlzer Waldheim) del quale parleremo ancora prossimamente, e certamente la femmina marrone INT.CH.D.CH.Korung Ezra-Ere-Iris van Diaspora che ne nacque si dimostrerà un eccellente fattrice per l'Allevamento della signora Kossen.


Bonnie v. Nettetal


Esmir v. Hermansjomaik


Bronco vom Zenn

 

 

 

« CHAPTER 1 | CHAPTER 2 | CHAPTER 3 »

 

 

 

This text is from the book 30 Years of Dobermann written by Massimo Santini, the owner of "del Diamante Nero" kennel. You can contact the author if you would like to buy the book.

The book is hard-covered, A4 format, available in Italian and in English.