CHAPTER 1 | CHAPTER 2 | CHAPTER 3

 

CHAPTER 3... FROM 1980 TO 1990 IN ITALY Cap. 3…DAL 1980 AL 1990 IN ITALIA

 

 

Preparing to analyze the breeding situation of this period in Italy, I suddenly have the sensation of "breathing the new air", full of innovations... but above all a sense of... a change in "breeder’s mentality", mainly due to the initiative of the group of breeders that bearing great sacrifices, but also with great enthusiasm and intuition, understood and first implemented in Italy the concept of "breeding the dobermann", by the criteria of Dobermann Verein, (regarding the concept of "the attitude" where the ZTP and sometimes the Korung already were unavoidable points of reference for breeding Dobermann in Germany)...but with "something more" (I’m referring to the fact...and I say it with a lot of national pride, that we were the first Dobermann Club that subjected the dogs, expecting to win the title of Social Champion AIAD at the annual exhibitions, to a test of an unexpected attack and a launched attack)... a group that in that period will constitute the "historical base of the AIAD", and as we will see later on, a group that will contribute in determining the path in the years to come, for the international acknowledgment of the Dobermann "Made in Italy".


Aldo v. Ferrolheim

In this light, Piero Caliandro, who unfortunately died recently, but will never be forgotten... (for some years now the AIAD organizes one of the most important annual exhibitions in memory of this great breeder) is considered as "the corner stone", and it was his kennel “di Villa Castelli” that in 1977 traced a new path for Italian breeders – it started with the mating of (v. Chapter 2: 70-80 in Europe) black female Rada del Verdiano with a male INT.CH.BDSg.DVSg. Aldo v. Ferrolheim (Jurgen v. Hagenstern x Amanda v. Stifthub), a dog that inherited good substance and good character. This mating will give two dogs, a black male IT. CH. AIAD CH. Cito di Villa Castelli, owned by the future AIAD president, Dr. Pierluigi Pezzano, and a black female IT. CH. BD JSgn. Caienna di Villa Castelli, future prototype of “di Campovalano” kennel, in proprietarity of Mr. Gabriele Prosperi.


Caienna di Villa Castelli

We will briefly leave the work of “di Villa Castelli” kennel, in order to follow chronologically what, in my point of view, was considered as one of "happier" moments in the history of evolution of the Dobermann in Italy.

As we have already anticipated in the previous chapter, in 1978 a mating that Mr. Gabriel Prospers made in tight consanguinity (brother-sister) between Cito di Villa Castelli x Caienna di Villa Castelli, gave a black male, homozygote, INT.CH.IT.CH.BDSg.AIADSg. Elisir di Campovalano, owned by Dr. Pierluigi Pezzano, the dog that will mark directly, as a producer, the breeding situation in Italy in that decade, even if there were other important producers in that period., which will be discussed later.


Elisir di Campovalano

Still speaking about that litter, a female definitely worth mentioning was Elite of Campovalano, which Mr.Prosperi later coupled in Holland with Egor v.d. Eland – a mating that will give brown female IT. CH. EURO JSgn. AIADSgn. Vita di Campovalano, which was later, again in Holland, mated with INT.CH.D.CH. Bjorn v. Stokebrand (Nimrod Hilo v. Franckenhorst x Ceylonia v. Franckenhorst), giving the “Z” litter for “di Campovalano” kennel, where the black female Zuma di Campovalano will be an important factor for the breeding of “di Campovalano”, like we will see in the years that followed.

Returning to Elisir, and before speaking about his reproduction, I would like to remember what Mr. Vogel asserted regarding his character: "…I have tested this dog, and I can say that it is a dog with very balanced nerves, with an optimal level of combativeness…" and I think that besides his morphologic virtues, this was one of the main reasons in convincing various breeders, Italian but also foreign...(who were all very significant breeders in that period) to couple many females with Elisir.

Elisir was also the first Italian dobermann male to win the prestigious title of Bundessieger, moreover, on the same day when Elisir won this title, one of his daughters did the same - IT. CH. BDSgn. AIADSgn. Alpha del Citone, a black female yet to be discussed ahead; and it is surely worth mentioning the fact that Elisir was also the first Italian dog to gain the title of SchH III and FH. Making a step backwards... (v. Chapter I: Years 70-80 in Italy)...you can remember that when speaking about the selection of “del Verdiano” kennel, I stated "very important kennel throughout 1980’s"... in fact Mr. Prosperi will acquire from Mr. Rosi, black female Favorit del Verdiano, a sister of the very famous IT.CH. Falette del Verdiano, (Thomas del Verdiano x Rinette del Verdiano) that in 1980 Mr. Prosperi coupled with Elisir, and from this mating, in my opinion, came one of the most "complete" females (meaning by this the binomial that is always hard to achieve in breeding - the concept of "morphology-character”) produced by “di Campovalano” kennel in that period. I’m talking about black female INT.CH.IT.CH.IDCSgn.AIADSgn.SchH III Lema di Campovalano, a dog that inherited both, the excellent morphology and the outstanding character of her father.


Lema di Campovalano

I would like to stop for a moment with the chronology of the “di Campovalano” kennel... (considering the fact that I cannot mention all the matings of every breeder of this period...I am more focused on the certain lines of selection that, in my opinion, will have a "genetic weight" in the Italian breeding in the years to come) in order to note that in 1981 the Official Championship of Breeding and Training AIAD has established, surely an important fact for the breeders in that period, that will become a significant "reference point" for the yearly reviewing of the development of the race in Italy.

Returning to the “di Campovalano” kennel and its production that was very intense and significant in that period... I would like to speak about the mating that I personally consider as a great genetic importance, and which Mr. Prosperi also loves to remember especially because of the effective collaboration that he had with Mr. Vogel and Dr. Pezzano. The mating in question was when in 1984 Mr. Prosperi coupled Lema with the black male Ilk. v. Gaxharterwald (Bronco v. Zenn x Hesta v. Sonnenhof), a mating that gave the black male IT.CH.AIADSg. Ogami di Campovalano, black male IT.CH.AIADCH. Orion di Campovalano, a brown female Oro di Campovalano that many connoisseurs still remember for her beautiful expression, and finally Otero di Campovalano, dogs that will have great genetic influence and of which we will speak about later.

Also in 1984 Mr. Prosperi mated in consanguinity (grandson x aunt) black male Hunter di Campovalano (Ingo von Forell x Selema di Campovalano) with black female Ronda di Campovalano, mating that gave black male IT.CH. WELTSg. DVSg. AIADSg. Quorry di Campovalano, marking the fact that Selema and Ronda were the daughters of Elisir, which later was covered by Oro di Campovalano giving black male (in consanguinity with Elisir) Eltaipan di Campovalano.

It can be noted that Mr.Prosperi often used, consanguinity method, sometimes very close consanguinity, in its selection, and this sure was a "very thought" job judging by the results that gradually played a very important role in making "di Campovalano type of Dobermann, and achieving its own type of dog should be a prerogative to all breeders.

In 1987 an "important genetic job" was concluded for that decade, which we will find again in the future years, regarding the development of the breed in Italy... and not only in Italy, not forgetting to mention another important mating that Mr. Prosperi made between Eltaipan and Zuma. From this mating came “M” litter for “di Campovalano” kennel with puppies among which I would mention the brown male IT.CH. Merak di Campovalano, but above all brown female Mali di Campovalano that will demonstrate her importance later, as we will see in the further chapters.

In my opinion, this was, in synthesis, the most important genetic selection that Mr. Prosperi made in that decade, and the fact that should be underlined is that nearly all selections made by Mr.Prosperi met the standard of ZTP, (i.e. selection was based on both, morphologic as well as character aspect meeting the standards of AIAD) which will, like it is pointed out at the beginning of this story, radically modify the way of breeding the Dobermann in Italy.

Another kennel that began to emerge in that period was “del Littorio” owned by Mr. Zorzi, a kennel that founded its bloodline on an import happened at the end of ‘70 - black male INT.CH.SchH III - IPO III Orpheus von Eschenhof (Guy’s Hilo v. Norden Stamm x Athene v. Nymphenburg), a dog with truly great character that participated two times on the Work Championship at the Dobermann Verein.

In 1981 Mr. Zorzi coupled in consanguinity (uncle x grandson) black female Alena v. Holdestrauch, a daughter of Athos v. Nymphenburg, with Orpheus which gave dogs of remarkable quality such as IT.CH.DVSgn.AIADSgn. Lilly Liberty del Littorio, black male IT.CH.SchH III Laerte Luger del Littorio, and Laura del Littorio.

In addition, I’d like to mention another mating that Mr. Zorzi made, which in my opinion, is genetically important for the development of Dobermann in Italy in ’90, and it was when in 1988 he coupled female IT.CH.SchH II Alice del Littorio (Keegan v. Ferrolheim x Laura del Littorio) with black male D. Ch. Int. Ch. SchII. Bryan v.d. Wolfshohe (Ger v. Zenn x Tamara v. Franckenhorst), grandson of Jago v. Beelen, which gave black male CH.RIP. Quarz del Littorio.

I would also like to mention that brown male WELTSg. IDCSg. BDSg. DVSg. SchH III Keegan v. Ferrolheim, also imported as a puppy from Holland by Mr. Zorzi, a son of the dog of American genetic line - Pinemeade’s Independence (Circle Dobes Damian x Pinemeade’s Hifalutin), while the mother was before mentioned Amanda v. Stifthub (Chico v. Forell x Hesta v. Ellendonk). Like said before, Amanda was the mother of the brown male INT.CH.BDSg.DVSg. Aldo v. Ferrolheim.

We will make another step backwards at this point, (v. Chapter I: 70-80 in Italy) in order to introduce two kennels, both from Rome: dell’Urbe of Dr. Massimo Massa and “del Palatino” of Dr. Vincenzo Germani.

In 1981, Dr. Germani (I would like to remember, respecting the historical aspect of this chronology, that in about two years Dr. Germani, after Mr. Flecchia, became the President of AIAD...) coupled black female IT.CH. Samina del Bosco di Giano (v. Chapter I: 70-80 in Italy) with INT.CH.BDSg. Guy’s Hilo v. Norden Stamm, giving IT.CH. Circe del Palatino, typical and very elegant black female.

Also in 1983, Dr. Germani coupled Porzia del Palatino with Elisir di Campovalano, a mating that will produce black female IT.CH.AIADCH. SchH II. Frine del Palatino, a typical dog of good character.

In the same period Dr. Massa was still trying to strengthen the genetics of the Furstenfeld line, a job that he began some years ago (v. Chapter I: 70-80 in Italy). He went to France to couple black female Alba dell’Urbe, a dog remembered by close consanguinity to IT.CH. Helmo v. Furstenfeld and a sister of the most famous IT.CH.AIADCH. Alfa dell’Urbe, with the black male Luther de la Mar d’Estelle, son of Earl v. Forell, while the mother Plana v. Furstenfeld, was the daughter of Windo v. Furstenfeld x Ina v. Furstenfeld, which was one of the last known close consanguinity mating made by Mr.Palmer, producing from this mating a very typical black female IT.CH. AIADJSgn. Fionda dell’Urbe.

From my point of view, this was an important genetic work in that period done by Dr. Massa, which provoke opposite reactions: some did recognize and support this work, the others did not. It is a concept not always practical in breeding and it should not be consistently followed...but to speak from the aspect of zoo-technique: it is necessary to be careful.... "not to channel, by making selections, the breed to a few bloodlines, even if they are very important ones" ...it is necessary to make sure that "important genetic corridors" would not be closed by the concept of consanguinity…and to always hold in maximum consideration when making selections... “not to close a breed genetically".

In 1981 Dr. Massa (who later became specialist AIAD judge of the breed) coupled black female IT.CH.AIADCH. Alfa dell’Urbe, in France with a son of Luther de la Mar d’Estelle x Unga v. Hagenstern, the black male Obi du Mont Levre, a mating that will give black male JCH.CENT.ENCI. Durantes dell’Urbe.

In 1984 Dr. Massa coupled Fionda with Laerte Luger del Littorio, producing two very typical black females, Gomma dell’Urbe and IT.CH.AIADCH. Ghitta dell’Urbe, the latter was acquired by Mr.Antonio Simonelli, the owner of a kennel from Rome “Campagna Nensis” about which we will discuss in further chapters that deal with the ‘90s.

Also in 1984 Dr.Germani, the owner of the “del Palatino” kennel, coupled black female IT.CH.AIAD.CH. Scilla del Palatino... (v. Chapter I: 70-80 in Italy.) with Laerte Luger del Littorio, and black male IT.CH. Heros del Palatino was born. I think that Heros was not so much used in reproduction, but I think he was morphologically one of the best males around in that period.

Originating from the ‘70, the kennel “dei Nobili Nati” began to emerge in those first years of the ’80. The owners of this kennel were, and still are, Mr. Franco and Mrs. Margherita Buzzi. The first known production of this kennel was in the beginning of the ‘80s when Mr. Buzzi coupled a female imported from France, Lara de Festiano with Guy's Hilo v. Norden Stamm, a mating that gave black male IT.CH.AIAD.CH. Iago dei Nobili Nati and black female IT. IT.CH.AIAD.Sgn. Isotta dei Nobili Nati.

In 1981 Mr. Buzzi coupled Assia dei Nobili Nati with Elisir di Campovalano, producing black female IT.CH.IAD.CH. Kilia dei Nobili Nati. And in 1984 Mr. Buzzi coupled Fucsia dei Nobili Nati again with Wahonsooval del Nero Selvaggio, producing black male IT.CH.AIAD.CH. Funny Boy dei Nobili Nati.

Alos in 1984 “dei Nobili Nati” kennel made a connection, in consanguinity between two sons of Elisir di Campovalano, which will bring international fame to this kennel. The mating in question was between black male Runo dei Nobili Nati, with Tairy di Campovalano, from which black male homozygote INT.CH. IT.CH. AIAD.Sg. BD.Sg. DV.Sg. IDC.Sg. EURO.CH. VDH.CH., CH.RIP. AIAD.Korung SchH III Quinn dei Nobili Nati was whelped, certainly very rewarded Italian male of that decade.


Runo dei Nobili Nati

Regarding Quinn’s reproduction, I would like to point out that his more important sons were produced with foreign females; an example that illustrates this happened at the end of ‘80 when a litter whelped in Holland, from Quinn and black female EURO.CH.D.CH. Taiga-Unique v. Stevinhage (Hertog Alpha v. le Dobry x Farina v. Nymphenburg), that gave various Champions, among which IT.CH. AIADSgn. D.CH. SchH III Future’s Unique Ala and his sister INT.CH. BDSgn. DVSgn. D.CH. Future’s Unique Angel.


Future’s Unique Angel

Another important litter that Quinn sired was born abroad when in 1988 Quinn mated with French bitch Aida de Chastenay, a mating repeated just after 1989, where black female IT.CH.AIADCH.DVSgn. Draga de Chastenay and IT.CH. Elia de Chastenay were born.

In 1988 Mr. Kollenberg, owner of the “v. Norden Stamm” kennel, coupled the black female Korung.SchH III Kastra v. Norden Stamm (Ebo v.d. Groote Maat x Alida v. Flandrischen Lowen), the litter sister of the famous Kalina v. Norden Stamm, of which we will speak in the next chapter, with Quinn, giving the black male IT.CH.AIAD.CH. Prinz v. Norden Stamm, a dog that will lay an important path for Italian and European production in the ‘90s.

In that period owner of “del Citone” kennel, Dr.Pierluigi Pezzano, that we have already mention in relation to the important role that he will assume in the following years, was becoming famous as a judge and as a breeder, but above all as the president of AIAD Club (v. Chapter II: 70-80 in Europe).


Alfa del Citone

The first well known dog of “del Citone” kennel was the black female whelped in 1980 IT.CH.BDSgn.AIAD.CH. Alfa del Citone (Elisir di Campovalano x Cita), a dog born in close consanguinity to Cito di Villa Castelli, which in 1985 Dr. Pezzano coupled with Akim Waciweba (Yago v. Ellendonk x Raquinas Nebbie) in close consanguinity with a male of “Ellendonk” line, a bloodline that will have, like we have already mentioned, remarkable "genetic importance" in breeding (v. Chapter II: 70-80 Europe). This mating produced the first absolute Champion of Work and Beauty in Italy, the black female INT.CH. IT.CH. AIADSgn. AIADCH. di Lavoro Gale del Citone, which will be later discussed.


Gale del Citone

A combination that I would like to remember was the mating of Alfa del Citone with INT.CH. BDSg. IDCSg. Ebo van de Groote Maat (Egor v.d. Eland x Eva v. Rensloo), which gave Haina del Citone, which, as we will later see, demonstrated to be an important factor for the breeding of “del Citone”. Also in that litter was Halley del Citone, a male to be remembered by the mating that Dr. Pezzano made with Vita di Campovalano, which gave Jenis del Citone, and finally Harold del Citone, a black male who sired Kessi v.d. Wilden Markgraf, a female originating from the kennel of Mr.Vogel, producing Leroy del Citone, remembered by being the first dog with Italian origin to pass the Korung.

Returning to speak about the “di Villa Castlli” and Mr. Piero Caliandro, who I would like to mention once again as the breeder who first put into effect in Italy...and taught an innovative concept in the Dobermann selection...(for this purpose I would like to quote something written by Mr. Pezzano, only a few months after Mr.Piero passed away, and which was published in the “I Nostri Dobermann” magazine. Namly, Dr. Pezzano, speaking about the extreme conviction that Mr.Caliandro had about how to conceive the breed, said that in general... Mr.Piero had the moral qualities of defense dog)... while, like it is said in the beginning, he was tracing in those years a new road... that was not followed by all... but that was a road worth following.

In 1978 Mr. Caliandro coupled a black male, imported from Holland, Gamal v. Ferrolheim (Jurgen v. Hagenstern x Amanda v. Stifthub), a brother of the second litter of Aldo v. Ferrolheim with the black female Rada del Verdiano, from where black male IT.CH.AIADCH. Dark di Villa Castelli came, a very harmonic dog of optimal character, that later Mr. Caliandro coupled with brown female Jill v. Ferrolheim, also imported from Holland, producing Thany di Villa Castelli..

Also in 1979 Mr. Caliandro coupled black female Cora di Villa Castelli, sister of Cito and Caienna di Villa Castelli with Pinemeade’s Independence (Circle Dobes Damian x Pinemeade’s Hifalutin), a black male which we have already mentioned, with which Mr. Demankoe, owner of the Dutch kennel “v. Ferrolheim” imported from United States, in order to genetically refresh the bloodline. From this mating whelped brown male AIAD.CH. Gormann di Villa Castelli.

In 1983 Mr. Caliandro coupled Thany with brown male BDSg. AIADSg. Baquero v. Pfaffenberg (Bronco v. Zenn x Goldi v. Kirchbuhl), from this mating came black male IT.CH.AIADCH. Condortarek di Villa Castelli, a dog of optimal masculine appearance, with an excellent character.


Condortarek di Villa Castelli

Mr. Caliandro also owned black female IT.CH. BDSgn. AIADSgn. Verdiana Nona di Gruma (Eick v. Eschenhof x Dobra del Verdiano), a dog remembered as a first female of Italian origin to win the prestigious title of Bundessieger.

Still in that decade, the kennel “della Ripuaria” introduce itself with the mating between Elisir di Campovalano and Helga della Ripuaria (Thomas del Verdiano x Marielle del Verdiano), which gave the litter that brought the black male IDCJSg. IT.CH. AIADSg. JAPANCH. Quares della Ripuaria.

In conclusion, I think that this can be complete enough picture of that period, even though there is still to mention a new group of Italian breeders that towards the end of ‘90s began introducing themselves through their production, but about which we will speak in the next chapter... And in the end I will just mention numerous kennels of "Quality"... among which many gained International glory thanks to their production in the period from 1980 to 1990....

Sicuramente andando ad analizzare la situazione allevatoriale di quel periodo in Italia, si ha subito la sensazione di “respirare” un’aria nuova, carica di innovazioni … ma soprattutto un senso di un… cambio di “mentalità allevatoriale”, dovuta principalmente all’iniziativa avuta da parte di un gruppo di Allevatori, che con grandi sacrifici … ma diciamolo pure anche con grande entusiasmo e intuizione … capirono ed attuarono per primi in Italia la concettualità “dell’allevare il dobermann”, secondo i criteri della Dobermann Verein, (notoriamente legati in primis … al concetto “dell’attitudine” dove lo ZTP e spesso la Korung erano già allora punti di riferimento imprescindibili, per poter allevare in Germania) … ma con un “qualcosa in più” … (riferendomi al fatto … e lo dico con una punta di orgoglio Nazionale, che siamo stati il primo Club al Mondo del Dobermann, che nella verifica annuale d’Allevamento, sottopone i soggetti pretendenti al titolo di Campione Sociale AIAD, ad una prova di un attacco improvviso e di attacco lanciato) … gruppo che in quel periodo costituirà poi anche la “base storica dell’AIAD”, e come avremo modo di capire contribuirà in modo determinante negli anni futuri, al riconoscimento Internazionale del Dobermann “Made in Italy”.


Cito di Villa Castelli

Certamente Piero Caliandro, purtroppo recentemente scomparso, ma mai dimenticato … (è ormai diversi anni che il club AIAD organizza in memoria di questo grande Allevatore uno dei più importanti Raduni di razza dell’anno ) è da considerarsi “pietra miliare” in questo contesto e fu proprio lui con l’Affisso di Villa Castelli che nel 1977 traccerà un nuovo percorso allevatoriale in Italia accoppiando (vedi precedente anni 70-80 in Europa) la femmina nera Rada del Verdiano con il maschio marrone INT.CH.BDSg.DVSg. Aldo v. Ferrolheim (Jurgen v. Hagenstern x Amanda v. Stifthub) cane di buona sostanza dotato di un buon carattere, accoppiamento che darà due soggetti, il maschio nero IT.CH.AIADCH. Cito di Villa Castelli di proprietà del futuro Presidente AIAD dott. Pierluigi Pezzano, e la femmina nera IT.CH.BDJSgn. Caienna di Villa Castelli, futura capostipite dell’Allevamento di Campovalano del sig. Gabriele Prosperi.


Mr.Rosi & G. Prosperi (on the right)

Lasciamo momentaneamente l’operato dell’Allevamento di Villa Castelli, per seguire cronologicamente, quello che secondo il mio punto di vista, è da considerarsi come uno dei momenti allevatoriali “più felici” nella storia dell’evoluzione del Dobermann in Italia.

Come abbiamo già anticipato nel precedente capitolo, nel 1978 dall’accoppiamento che il sig. Gabriele Prosperi fece in stretta consanguineità (fratello-sorella) fra Cito di Villa Castelli x Caienna di Villa Castelli, nascerà il maschio nero omozigote INT.CH.IT.CH.BDSg.AIADSg. Elisir di Campovalano, ceduto al dott. Pierluigi Pezzano, soggetto che segnerà direttamente (riferendomi alla sua riproduzione) l’indirizzo allevatoriale in Italia in quel decennio, anche se naturalmente vi furono sempre in quel periodo altri importanti riproduttori, dei quali parleremo più avanti.

Sempre di quell’accoppiamento è sicuramente meritevole di menzione la femmina


Vita di Campovalano

Elite di Campovalano, che in seguito il sig. Prosperi accoppierà in Olanda con Egor v.d. Eland accoppiamento che darà la femmina marrone IT. CH. EURO JSgn. AIADSgn. Vita di Campovalano che poi accoppiata sempre in Olanda con INT.CH.D.CH. Bjorn v. Stokebrand (Nimrod Hilo v. Franckenhorst x Ceylonia v. Franckenhorst), darà la cucciolata con la lettera Z dell’Allevamento di Campovalano, dove la femmina nera Zuma di Campovalano che ne nacque sarà un importante fattrice per l’Allevamento di Campovalano, come avremo modo di vedere negli anni che seguirono.

Tornando ad Elisir, e prima di parlare della sua riproduzione, vorrei riportare quello che il sig. Vogel ha testualmente affermato nel riguardo al carattere di questo soggetto “… ho provato questo cane, e posso affermare che è un soggetto con nervi molto saldi, molto equilibrato e dotato di un’ ottimo livello di combattività …” e penso che al di là delle sue doti morfologiche, sia stata questa una delle ragioni principali nel convincere poi diversi Allevatori, Italiani ma anche Stranieri … (fatto del tutto eccezionale per quel periodo) ad accoppiare molte delle loro fattrici con questo cane.

Elisir fu anche il primo dobermann maschio di Affisso Italiano ad aggiudicarsi il prestigioso titolo di Bundessieger, peraltro lo stesso giorno nel quale lo consegui anche una sua figlia, la IT.CH.BDSgn.AIADSgn. Alfa del Citone, femmina nera della quale parleremo più avanti, ed è certo da menzionare il fatto che Elisir fu anche il primo soggetto Italiano a superare il brevetto SchH III ed FH. Facendo un passo indietro … (vedi capitolo anni 70-80 in Italia) … vi ricorderete che parlando a proposito della riproduzione dell’Allevamento del Verdiano, ho usato il termine … “di un importante tramite per il 1980” … infatti il sig. Prosperi acquisterà dal Sig.Rosi, la femmina nera Favorit del Verdiano sorella della più famosa IT.CH. Falette del Verdiano, (Thomas del Verdiano x Rinette del Verdiano) che nel 1980 il sig. Prosperi accoppiò poi, con Elisir, e da questa cucciolata nacque, secondo il mio punto di vista, una delle femmine più “complete” (intendendo in tal senso il binomio che in Allevamento non è sempre così facile da perseguire, legato al concetto “morfologia-carattere) prodotte dall’Allevamento di Campovalano in quel periodo, riferendomi alla femmina nera INT.CH.IT.CH.IDCSgn.AIADSgn.SchH III Lema di Campovalano, soggetto che al di là della sua eccellente morfologia rispecchierà le buone doti caratteriali del padre.

Vorrei per un attimo interrompere la Cronologia dell’Allevamento di Campovalano … (riconfermando il fatto di non poter riportare tutta la produzione di ogni Allevamento di quell’epoca … attenendomi come già detto, in modo particolare alla riproduzione, che secondo il mio punto di vista avrà un “peso genetico” nell’Allevamento Italiano negli anni a venire ) per ricordare che dal 1981 si avrà l’inizio Ufficiale del Campionato d’Allevamento e d’addestramento AIAD, fatto sicuramente importante per gli Allevatori in quel periodo, che sarà un importante “punto di riferimento” annuale per lo sviluppo della razza in Italia.

Tornando all’Allevamento di Campovalano ed alla sua riproduzione che fù molto intensa e significativa in quel periodo … andrei a parlare di un accoppiamento che personalmente ritengo di grande spessore genetico, e che il sig. Prosperi spesso ama ricordare anche per la fattiva collaborazione avuta nella fase del suo concepimento da parte del sig. Vogel e del dott. Pezzano. L’accoppiamento in questione è quello che nel 1984 fece il sig. Prosperi accoppiando Lema con il maschio nero Ilk. v. Gaxharterwald (Bronco v. Zenn x Hesta v. Sonnenhof), accoppiata che diede il maschio nero IT.CH.AIADSg. Ogami di Campovalano, il maschio nero IT.CH.AIADCH. Orion di Campovalano, la femmina marrone Oro di Campovalano che ancora oggi molti appassionati ricordano per la sua bella espressione di razza ed infine Otero di Campovalano, soggetti che avranno la loro importanza genetica e dei quali parleremo ancora.

Sempre nel 1984 il sig. Prosperi accoppia in consanguineità (nipote x zia) il maschio nero Hunter di Campovalano (Ingo von Forell x Selema di Campovalano) con la femmina nera Ronda di Campovalano, accoppiamento che generò il maschio nero IT.CH.WELTSg.DVSg.AIADSg. Quorry di Campovalano rimarcando il fatto che sia Selema che Ronda erano figlie di Elisir,. che poi, in seguito accoppiato con Oro di Campovalano darà il maschio nero (soggetto consanguineo su Elisir) Eltaipan di Campovalano.


Quorry di Campovalano

Da notare il grande “uso” del metodo della consanguineità, più o meno stretta operata da parte del sig. Prosperi nella sua selezione, e fu certamente un lavoro “ben pensato” visti i risultati che si andavano via via delineando, e che cominciarono a far conoscere nella razza il “tipo Campovalano” prerogativa molto importante per un Allevatore.

Nel 1987 si concludeva per quel decennio, un “importante lavoro genetico” che ritroveremo poi negli anni futuri per lo sviluppo della razza in Italia … e non solo, non dimenticando però di menzionare un altro importante accoppiamento che il sig. Prosperi fece fra Eltaipan con Zuma, della quale abbiamo già fatto cenno, da dove scaturì la cucciolata Campovalano con la lettera M, e della quale vorrei menzionare il maschio marrone IT.CH. Merak di Campovalano, ma soprattutto la femmina marrone Mali di Campovalano che si dimostrerà fattrice importante come avremo modo di vedere nel capitolo che riguarderà gli anno 90.

Questo secondo me, fu in sintesi la più importante selezione genetica operata dal sig. Prosperi in quel decennio, dove è senz’altro da rimarcare il fatto che quasi tutta la selezione di quest’Allevatore fu fatta all’insegna dello ZTP, ( cioè cani selezionati sia sotto l’aspetto morfologico che caratteriale dal Club AIAD ) che come accennato all’inizio modificò radicalmente il modo di Allevare il Dobermann nel nostro Paese.

Un altro Allevamento che cominciava ad emergere in quel periodo fu l’Allevamento del Littorio del sig. Zorzi, Allevamento che gettò le basi della sua linea di sangue, sull’importazione avvenuta alla fine degli anni 70 del maschio nero INT.CH.SchH III - IPO III Orpheus von Eschenhof (Guy’s Hilo v. Norden Stamm x Athene v. Nymphenburg) soggetto dotato veramente di buon carattere che partecipò anche due volte al Campionato di Lavoro della DV.

Nel 1981 il sig. Zorzi accoppia in consanguineità (zio x nipote) la femmina nera Alena v. Holdestrauch una figlia di Athos v. Nymphenburg, con Orpheus dando soggetti di notevole qualità, la IT.CH.DVSgn.AIADSgn. Lilly Liberty del Littorio, il maschio nero IT.CH.SchH III Laerte Luger del Littorio, e Laura del Littorio.

Da ricordare un altro accoppiamento che il sig. Zorzi farà e che a mio parere sarà importante geneticamente per lo sviluppo in Italia del Dobermann negli anni 90, e fu quando nel 1988 accoppierà la femmina marrone IT.CH.SchH II Alice del Littorio (Keegan v. Ferrolheim x Laura del Littorio) con il maschio nero D. Ch. Int. Ch. SchII. Bryan v.d. Wolfshohe (Ger v. Zenn x Tamara v. Franckenhorst), nipote di Jago v. Beelen, da dove nascerà il maschio nero CH.RIP. Quarz del Littorio.

Vorrei anche ricordare che il maschio marrone WELTSg.IDCSg.BDSg.DVSg. SchH III Keegan v. Ferrolheim importato anch’esso cucciolo dall’Olanda dal sig. Zorzi, era figlio di un cane di linea genetica americana Pinemeade’s Independence (Circle Dobes Damian x Pinemeade’s Hifalutin) mentre la madre era la già citata Amanda v. Stifthub (Chico v. Forell x Hesta v. Ellendonk), madre come già detto del maschio marrone INT.CH.BDSg.DVSg. Aldo v. Ferrolheim, del quale abbiamo già parlato.

Facendo a questo punto, nuovamente un passo indietro (vedi capitolo anni 70-80 in Italia) ritorniamo a parlare di due Allevamenti entrambi romani, rispettivamente dell’Allevamento dell’Urbe del dott. Massimo Massa e dell’Allevamento del Palatino del dott. Vincenzo Germani.

Nel 1981, il dott. Germani (..vorrei ricordare, dovendo rispettare l’aspetto storico di questa cronologia, che per circa due anni il dott. Germani, succedendo al Col. Flecchia, fu anche il secondo Presidente AIAD...) accoppiò la femmina nera IT.CH. Samina del Bosco di Giano (vedi capitolo anni 70-80 in Italia) con INT.CH.BDSg. Guy’s Hilo v. Norden Stamm, dove nacque la femmina nera IT.CH. Circe del Palatino, femmina molto tipica ed elegante.

Ancora nel 1983, il dott. Germani accoppierà Porzia del Palatino con Elisir di Campovalano, accoppiamento che produrrà la femmina nera IT.CH.AIADCH. SchH II. Frine del Palatino, soggetto tipico dotato di buon carattere.

Sempre in quel periodo il dott. Massa , tentò ancora di rafforzare il lavoro genetico in linea Furstenfeld che aveva intrapreso qualche anno prima ... (vedi numero anni 70-80 in Italia...) andando in Francia ad accoppiare la femmina nera Alba dell’Urbe, soggetto ricordiamo strettamente consanguineo su IT.CH. Helmo v. Furstenfeld e sorella della più famosa IT.CH.AIADCH. Alfa dell’Urbe con il maschio nero Luther de la Mar d’Estelle, figlio di Earl v. Forell, mentre la madre Plana v. Furstenfeld, era figlia di Windo v. Furstenfeld x Ina v. Furstenfeld che fu una delle ultime conosciute strette consanguineità fatte dal sig. Palmer, ottenendo da questo accoppiamento una femmina nera molto tipica IT.CH. AIADJSgn. Fionda dell’Urbe.

Secondo il mio punto di vista, questo fu un importante lavoro genetico in quel periodo del dott. Massa, indipendentemente dai riconoscimenti avuti o non avuti..., concetto che non sempre nelle pratiche di Allevamento obbligatoriamente si deve seguire ... ma da ritenersi invece ricerche, zootecnicamente parlando, attente ad non....” incanalare la selezione di una razza in un poche anche se importanti linee di sangue “...e che sicuramente contribuiranno a non chiudere “....corridoi genetici importanti.... “ concettualità questa, da tenere sempre in massima considerazione quando si alleva per... “non chiudere geneticamente una razza”.

Nel 1981 il dott. Massa (... poi in seguito divenuto Giudice specialista di razza AIAD...) accoppierà la femmina nera IT.CH.AIADCH. Alfa dell’Urbe, sempre in Francia con un figlio di Luther de la Mar d’Estelle x Unga v. Hagenstern, riferendomi al maschio nero Obi du Mont Levre, accoppiamento del quale si conosce il maschio nero JCH.CENT.ENCI. Durantes dell’Urbe.

Nel 1984 il dott. Massa accoppierà Fionda con Laerte Luger del Littorio, dal quale nacquero due femmine nere molto tipiche, Gomma dell’Urbe e IT.CH.AIADCH. Ghitta dell’Urbe, quest’ultima acquistata dal sig. Antonio Simonelli di Roma titolare dell’Affisso Campagna Nensis, Allevamento del quale parleremo ancora nel periodo riguardante gli anni 90.

Sempre nel 1984 il dott. Germani titolare dell’Allevamento del Palatino, accoppierà la femmina nera IT.CH.AIAD.CH. Scilla del Palatino... (vedi capitolo anni 70-80 in Italia..) con Laerte Luger del Littorio, dove il maschio nero che ne nascerà, IT.CH. Heros del Palatino, penso al di là del fatto di non essere stato usato molto in riproduzione, ma ritengo sia stato morfologicamente uno dei migliori maschi in circolazione in quel periodo.

Proveniente dagli anni 70, cominciava ad emergere in quei primi anni 80, l’Allevamento dei Nobili Nati, Allevamento del quale sono tutt’oggi titolari il sig. Franco e la signora Margherita Buzzi. La prima produzione conosciuta di quest’Allevamento, fu quando nei primi anni 80, il sig. Buzzi accoppia la femmina importata dalla Francia Lara de Festiano con Guy’s Hilo v. Norden Stamm, accoppiata che generò il maschio nero IT.CH.AIAD.CH. Iago dei Nobili Nati e la femmina nera IT.CH.AIAD.Sgn. Isotta dei Nobili Nati.

Nel 1981 il sig. Buzzi accoppia Assia dei Nobili Nati con Elisir di Campovalano, dando vita alla femmina nera IT.CH.IAD.CH. Kilia dei Nobili Nati, per arrivare al 1984 dove il sig. Buzzi accoppiando Fucsia dei Nobili Nati ancora con Wahonsooval del Nero Selvaggio, produrrà il maschio nero IT.CH.AIAD.CH. Funny Boy dei Nobili Nati.

Sempre nel 1984 l’Allevamento dei Nobili Nati produrrà un accoppiamento in consanguineità fra due figli di Elisir di Campovalano, che darà notorietà Internazionale a questo Allevamento, l’accoppiamento citato fu quello fra il maschio nero Runo dei Nobili Nati, con la femmina Tairy di Campovalano, da dove nacque il maschio nero omozigote INT.CH. IT.CH. AIAD.Sg. BD.Sg. DV.Sg. IDC.Sg. EURO.CH. VDH.CH., CH.RIP. AIAD.Korung SchH III Quinn dei Nobili Nati, sicuramente il maschio Italiano più premiato in quel decennio .


Quinn dei Nobili Nati

Riguardo alla riproduzione di Quinn, vorrei far notare che i suoi figli più importanti, furono prodotti con femmine straniere, in particolar modo si evidenziò alla fine degli anni 80 una cucciolata nata in Olanda, fra Quinn e la femmina nera EURO.CH.D.CH. Taiga-Unique v. Stevinhage (Hertog Alpha v. le Dobry x Farina v. Nymphenburg) combinazione che generò diversi Campioni fra cui la IT.CH.AIADSgn.D.CH.SchH III Future’s Unique Ala e la sorella INT.CH.BDSgn.DVSgn.D.CH.Future’s Unique Angel.

Un altra importante cucciolata di Quinn nata all’estero fu quando nel 1988 Quinn accoppiò la cagna Francese Aida de Chastenay, ripetuta subito dopo nel 1989, da dove nacquero, la femmina nera IT.CH.AIADCH.DVSgn. Draga de Chastenay e IT.CH. Elia de Chastenay.


Draga de Chastenay

Nel 1988 il sig. Kollenberg, titolare dell’Affisso v. Norden Stamm, accoppierà la femmina nera Korung.SchH III Kastra v. Norden Stamm (Ebo v.d. Groote Maat x Alida v. Flandrischen Lowen), sorella della più famosa Kalina v. Norden Stamm, della quale parleremo nel prossimo numero, con Quinn, da dove nascerà il maschio nero IT.CH.AIAD.CH. Prinz v. Norden Stamm, soggetto che segnerà in modo importante la riproduzione in Italia e in Europa negli anni 90.

Sempre in quel periodo cominciava ad allevare con l’Affisso del Citone il dott. Pierluigi Pezzano del quale abbiamo già parlato in relazione all’importante ruolo che assumerà col prosieguo degli anni, sia come Giudice sia come Allevatore, ma soprattutto come Presidente del Club AIAD. (vedi capitolo anni 70-80 in Europa.)

Il primo soggetto conosciuto di quest’Allevamento fu la femmina nera nata nel 1980 IT.CH.BDSgn.AIAD.CH. Alfa del Citone (Elisir di Campovalano x Cita) soggetto strettamente consanguinea su Cito di Villa Castelli, che nel 1985 fu accoppiata una prima volta dal dott. Pezzano con Akim Waciweba (Yago v. Ellendonk x Raquinas Nebbie) maschio strettamente consanguineo sulla linea Ellendonk, linea di sangue che come abbiamo già detto avrà notevole “ importanza genetica “ in Allevamento (vedi capitolo anni 70-80 Europa) accoppiamento che produrrà in Italia il primo Campione assoluto di Lavoro e di Bellezza, riferendomi alla femmina nera INT.CH. IT.CH. AIADSgn. AIADCH. di Lavoro Gale del Citone, soggetto del quale parleremo ancora.

Alfa fu accoppiata una seconda volta con il maschio marrone INT.CH. BDSg. IDCSg. Ebo van de Groote Maat (Egor v.d. Eland x Eva v. Rensloo), combinazione della quale vorrei ricordare, la femmina Haina del Citone, che come vedremo in futuro si dimostrerà importante fattrice per l’Allevamento del Citone, il maschio Halley del Citone da ricordare per l’accoppiamento che il dott. Pezzano fece con Vita di Campovalano da dove nacque la femmina Jenis del Citone e infine Harold del Citone, maschio nero che accoppiato con Kessi v.d. Wilden Markgraf, femmina proveniente dall’Allevamento del sig. Vogel, darà il maschio Leroy del Citone da ricordare perchè è stato il primo soggetto con affisso Italiano a conseguire la Korung, nella storia del Dobermann Italiano.

Ritornando a parlare dell’Allevamento di Villa Castelli e del sig. Piero Caliandro, che vorrei ricordare ancora una volta come l’Allevatore che per primo in Italia attuò... ed insegnò una concettualità innovativa nell’Allevam ento del Dobermann ... (vorrei, a questo proposito riprendere testualmente un suo concetto, da un ricordo scritto del dott. Pezzano, pochi mesi dopo la sua scomparsa e pubblicato sul giornale i Nostri Dobermann, quando il dott. Pezzano parlando dell’estrema convinzione che Piero aveva nel concepire una razza, diceva… che nella media avesse ... le qualità morali del cane da difesa) ... che come detto all’inizio, tracciò in quegli anni una strada nuova ... che allora non fu intrapresa da tutti ... ma che era sicuramente quella da seguire ...

Nel 1978 il sig. Caliandro accoppia il maschio nero, importato dall’Olanda Gamal v. Ferrolheim (Jurgen v. Hagenstern x Amanda v. Stifthub) fratello di seconda cucciolata di Aldo v. Ferrolheim con la femmina nera Rada del Verdiano, da dove nasceva il maschio nero IT.CH.AIADCH. Dark di Villa Castelli, soggetto molto armonico dotato di ottimo carattere, che il sig. Caliandro accoppiò poi con la femmina marrone Jill v. Ferrolheim, anch’essa importata dall’Olanda da dove nacque la femmina Thany di Villa Castelli.

Ancora nel 1979 il sig. Caliandro accoppierà la femmina nera Cora di Villa Castelli, sorella di Cito e Caienna di Villa Castelli con Pinemeade’s Independence (Circle Dobes Damian x Pinemeade’s Hifalutin) maschio nero del quale abbiamo già fatto cenno e con il quale il sig. Demankoe dell’Allevamento Olandese v. Ferrolheim, importò dagli Stati Uniti, come variazione genetica per la sua linea di sangue. Da questo accoppiamento nacque il maschio marrone AIAD.CH. Gormann di Villa Castelli.

Nel 1983 il sig. Caliandro accoppierà Thany con il maschio marrone BDSg. AIADSg. Baquero v. Pfaffenberg (Bronco v. Zenn x Goldi v. Kirchbuhl), da questo accoppiamento nasceva il maschio nero IT.CH.AIADCH. Condortarek di Villa Castelli, soggetto con ottima impronta maschia, e dalle doti caratteriali eccellenti.


Verdiana Nona di Gruma

Di proprietà del sig. Caliandro fu anche la femmina nera IT.CH.BDSgn.AIADSgn.Verdiana Nona di Gruma (Eick v. Eschenhof x Dobra del Verdiano), da ricordare perché prima femmina di Affisso Italiano ad aggiudicarsi il prestigioso titolo di Bundessieger.


Verdiana Nona di Gruma

Sempre in quel decennio, si evidenziò l’Allevamento della Ripuaria, con l’accoppiamento fra Elisir di Campovalano con Helga della Ripuaria (Thomas del Verdiano x Marielle del Verdiano) dove nacque il maschio nero IDCJSg.IT.CH.AIADSg. JAPANCH. Quares della Ripuaria.


Quares della Ripuaria

Credo concludendo che questo possa essere un quadro abbastanza completo di quel periodo, anche se ci sarebbe da evidenziare un nuovo gruppo di Allevamenti Italiani che verso la fine degli anni 90 cominciarono a farsi conoscere tramite la loro produzione, ma dei quali parleremo nel prossimo capitolo ...facendo però una considerazione riguardo ai numerosi Allevamenti di “Qualità “...molti dei quali a livello Internazionale che nacquero dal quel periodo 80-90 ....

 

 

...to read the other chapters you need to buy the book "30 Years of Dobermann".

 

 

 

 

This text is from the book 30 Years of Dobermann written by Massimo Santini, the owner of "del Diamante Nero" kennel. You can contact the author if you would like to buy the book.

The book is hard-covered, A4 format, available in Italian and in English.